Io con il mio primo basenji, Biagio

Non sono un’allevatrice. Non sono una veterinaria. Sono una semplice appassionata di cani, in particolare di cani primitivi e, nello specifico, di basenji.

Non ho avuto 10, 100 o 1000 basenji. Ne ho avuti solo 2.

Sono stata la felice e innamorata proprietaria di Biagio, basenji fulvo, dal 2004 fino al 2018. Ad aprile 2019 è entrata nella mia vita una nuova basenji, femmina questa volta: la dolcissima Yayoi.

Ancora prima, i basenji erano entrati, un po’ in silenzio, nella mia vita: all’età di sei anni ricevetti in regalo il mio primo vhs, che conteneva due cartoni animati per l’infanzia: il primo raccontava la storia di un coniglietto di pezza, mentre il secondo narrava le avventure di uno strano cane che anziché abbaiare…. rideva! Anni dopo, scoprii che si trattava della versione animata di un meraviglioso film in bianco e nero, “Addio, Lady”, e il cane protagonista, neanche a dirlo, era un basenji!

Non posso dire di sapere tutto sui cani e nemmeno sui basenji. Non sono una grande esperta. Vivo i basenji da un po’ di anni, ma non poi così tanti! Ho letto e leggo quanto posso per documentarmi, informarmi e aggiornarmi.

Spero di rendere un servizio utile alla razza e ai proprietari, presenti e futuri, e di non sbagliare troppo.